Il Mondo che non Esiste
MONDO CHE NON ESISTE 3D.png
Origine Kingdom Hearts II
Sovrano Xemnas (ex)

Maestro Xehanort (ex)

Abitanti Nessuno

Umani (ex)

Sub-Mondi Il Castello che non Esiste
Regno Di Mezzo

Sogni

Introdotto in Kingdom Hearts II
Appare Kingdom Hearts 358/2 Days

Kingdom Hearts II
Kingdom Hearts 3D: Dream Drop Distance
Kingdom Hearts III (cameo)
Kingdom Hearts Melody of Memory

Il Mondo che non Esiste è un mondo usato dai Nessuno come base, e in passato anche dall'Organizzazione XIII.

Ambientazione

Il Mondo che non Esiste è un grande mondo immerso in una notte perenne, con un aspetto industrializzato ma lasciato a se stesso. I luoghi che è possibile visitare sono:

La Città Oscura (ダークシティ Dākushiti) copre la quasi totalità del mondo, si tratta di una vasta città piena di alti palazzi neri, dotata di una bassa illuminazione elettrica e piena di insegne al neon di vari colori, con finestre e interni accesi.

  • Vicolo che non C'è: vicolo dei bassifondi, che nasconde un passaggio dimensionale per la Crepuscopoli Virtuale, il Mezzo e Mezzo.
  • Incrocio dei Frammenti: quartiere residenziale dove Roxas ha detto addio ad Axel. Sono presenti vari impianti elettrici e tubature, nonché negozi e magazzini chiusi o apparentemente abbandonati.
  • Grattacielo della Memoria: l'edificio più alto della Città Oscura, simile ad un hotel coronato di molti display attivi e una stella blu come insegna luminosa. Domina una grande piazza, e in un angolo si nota un camion distrutto. Qui si sono affrontati Riku e Roxas, inoltre Sora è stato portato dalla piazza al Tuffo nel Cuore dal suo Nessuno.
  • Limite della Disperazione: precipizio che segna il termine della Città Oscura, proprio al suo centro, dove sta un gigantesco e profondo pozzo in cui risplende una luce verde acqua. In questo punto si trova un sentiero invisibile che collega la città al Castello, che fluttua sopra il pozzo.

Caratteristiche

Il Mondo che non Esiste fa parte del Reame di Mezzo, e si trova molto vicino al Mondo Oscuro.[1][2] Dopo la disfatta dell'Organizzazione nel secondo capitolo, l'esistenza di questo mondo è diventata "incerta",[3] e questo ha causato diverse cose:

  • Il mondo riesce ad essere nel Reame dei Sogni e di Mezzo allo stesso tempo, senza essersi addormentato.[4]
  • C'è un limite di tempo entro il quale la gente può restare nella versione reale di questo mondo, e quando scade svaniscono e riappaiono nell'ultimo in cui sono stati.[5]

Inoltre, essendo un mondo di mezzo e quindi speciale, qui chi è divenuto Spirito per proteggere i sogni di qualcuno, lo rimane e può invocare altri Divorasogni pur essendo nel mondo reale.[3][6]

Storia

Kingdom Hearts 358/2 Days

Al Mondo che non Esiste risiedono per tutto il gioco i membri dell'Organizzazione XIII, da dove partono per le missioni loro assegnate per poi tornare. Roxas, insieme al neo membro Xion, raccoglie sempre più cuori dagli Heartless sconfitti, iniziando a dare forma a Kingdom Hearts nel cielo del mondo.

Si può vedere che Riku sta sopra il Grattacielo della Memoria dopo che Xion è tornata al Castello.
Quando Roxas tradisce l'Organizzazione XIII, Axel tenta di convincerlo invano di non farlo, ma Roxas rifiuta perchè gli altri membri gli nascondevano che era il Nessuno di Sora.

Due giorni dopo lui torna al Mondo che non Esiste per uccidere Xemnas e liberare Kingdom Hearts, come Xion gli aveva implorato di fare con le sue ultime parole. Ora in grado di impugnare due Keyblade dopo aver assorbito Xion, dei Neoshadow e l'Anti-Riku provano a fermarlo ma Roxas li distrugge e prosegue. Al Grattacielo della Memoria, Roxas lancia il suo Keyblade Lontano Ricordo a Riku affinchè lo aiutasse a distruggere i Neoshadow rimanenti, e poi iniziano a combattere.
Dopo una lunga battaglia Roxas è il vincitore e Riku allora risveglia Ansem dentro di sé, e dopo aver preso le sue sembianze evoca la Figura Oscura e sconfigge Roxas portandolo poi da DiZ.

Kingdom Hearts II

Non si sa come, Pluto arriva in questo mondo e vede Axel prendere un corridoio oscuro, ma non riesce a raggiungerlo, poi sente un fischio provenire da un'altro corridoio, segretamente aperto da Riku, e lo attraversa arrivando alle Isole del Destino.
Sora, Paperino, Pippo e Re Topolino arrivano in questo mondo dal Mezzo e Mezzo aperto grazie al sacrificio di Axel. Appena arrivati Re Topolino corre per cercare un modo per entrare nel Castello, ma per strada loro vengono attaccati da dei Samurai, mentre Sora viene portato al Tuffo nel Cuore da un membro dell'Organizzazione (che è Roxas). Dopo averlo sconfitto torna al Mondo che non Esiste e si recano davanti al Castello che non Esiste dove Sora apre un sentiero con il Keyblade ed entrano nel Castello.
In seguito Sora, Paperino, Pippo e Riku affrontano Numero 1 in una strana battaglia davanti al grattecielo della memoria, ma dopo averlo sconfitto esso scappa.

Xemnas si fonde con Kingdom Hearts.

Una volta dentro Sora, Pippo e Paperino eliminano Xigbar, Luxord e poi Saïx, ritrovando nel frattempo Riku e Kairi. Il Re trova Ansem il Saggio, che tenta di convertire Kingdom Hearts in dati con una sua macchina, che però fallisce e lo distrugge. Xemnas affronta così Sora in un duello, e dopo aver perso, chiede a ciò che rimane di Kingdom Hearts di prestargli il suo potere, così ci entra e si fonde con esso. I Signori del Keyblade attraversano la porta per Kingdom Hearts e lasciano il Mondo che non Esiste per affrontare il re dei Nessuno.

Dopo che Sora, Paperino, Pippo e Riku sono usciti da Kingdom Hearts e dopo che Kairi, Topolino, Paperino e Pippo hanno preso il Corridoio oscuro di Naminé, Riku e Sora vengono attaccati da Xemnas e Mondo del Nulla, che abbatte la torre dove si trovano. I due affrontano il dragone a bordo di due glider per i cieli del mondo, finchè non lo distruggono e lo fanno precipitare.
A quel punto Mondo del Nulla si fonde con la Città Oscura e affronta di nuovo Sora e Riku venendo stavolta usato solo come appoggio di Xemnas nella sua forma con armatura. Sora e Riku riescino nuovamente a sconfiggere Xemnas nella sua forma armatura e Mondo del Nulla viene distrutto. Poi affrontano Xemnas in uno strano luogo illusorio dove Xemnas indossa un vestito bianco e nero che simboleggia luce e oscurità ma dopo una dura battaglia in cui Xemnas ha combattuto con il suo massimo potere Sora e Riku riescono a sconfiggere e ad eliminare definitivamente Xemnas che scompare nell'oscurità. In seguito Sora e Riku, sempre in questo luogo illusorio vengono attaccati da migliaia di Simili che però muoiono da soli a causa della morte di Xemnas e dopo aver vagato per un pò in questo luogo illusorio Sora e Riku, finiscono nel Margine Oscuro.

Kingdom Hearts 3D: Dream Drop Distance

Riku arriva in una versione distrutta del Castello che non esiste, mentre Sora arriva nella Città Oscura dopo aver sconfitto l'Aperena Regina. Sora arriva nel Mondo che non Esiste davanti al Grattacielo della Memoria. Qui Sora si chiede come sia posssibile che anche il Mondo che non Esiste sia stato imprigionato nel sonno e dice che dovrebbe essere tornato nel mondo reale avendo già liberato le sette serrature e si chiede come mai si trova lì. Poi Sora sente la voce di qualcuno e Sora gli dice di farsi vedere. Dalla cima di un palazzo la voce dice che è stato un piano complicato e che quindi ci vuole dare un taglio e usa le sue pistole per sparare un colpo a Sora. Sora lo evita e la voce si rivela essere Xigbar che scende dal palazzo. Sora chiede a Xigbar che ci fa qui e Xigbar gli dice che bisognerebbe ricominciare dall'inizio e chiama Sora Roxas. Xigbar spiega a Sora che lui sarebbe dovuto tornare nel mondo reale ma che è finito nel Mondo che non Esiste a causa di Xigbar e dei suoi alleati e che hanno approfittato del momento in cui lui si è addormentato e che poi si sono solo limitati a seguire Sora e a condurlo al Mondo che non Esiste. Sora capisce che lo hanno seguito fin dall'inizio e si ricorda che dopo aver visto quell'uomo incappuciato (cioè Ansem nella sua forma incorporea) lui ha incontrato un uomo vestito di nero e Xemnas. Xigbar gli dice che ha indovinato e gli spiega che per potere viaggiare nel tempo e tornare al momento in cui un mondo sprofonda nel sonno occorre essere già stati lì, nello stesso luogo e nello stesso tempo. Xigbar chiede a Sora se lui ha già incontrato quell'uomo in passato e gli dice che sin da allora lui era predestinato a giungere qui, in questo momento. Sora gli dice che è impossibile e Xigbar gli dice che lui non si è mai accorto di nulla e che così anche i piani dei suoi amici andranno in fumo. Poi Xigbar fa notare a Sora che ha ancora i vestiti che aveva nel regno dei mondi dormienti anche se ora lui è effettivamente tornato nel mondo reale e che questo vuol dire che Sora non si sveglierà più. Xigbar gli dice che alla fine non è un problema se si trovo nel mondo reale o in quello dei mondi dormienti. Sora gli dice che non ha importanza e che ha capito che lui è un nemico ed evoca il Keyblade. Xigbar nota che Sora gli lancia lo stesso sguardo che Ventus gli lanciava e dice a Sora che ora deve passare il testimone e che il piano si fa più difficile. Xigbar allora salta sopra a Sora e spara otto colpi attorno a lui. Questi colpi si trasformano in figure vestite di nero e incappucciate, tra le quali anche il Giovane Xehanort. Sora allora si addormenta. In seguito Sora si sveglia e si ritrova con i suoi vestiti precedenti e vede Topolino, Paperino e Pippo che corrono e li insegue. Mentre Sora li insegue lui vede Naminè, Naminè corre via e Sora la insegue. Quando Sora la prende per la mano Naminè diventa Xion. Sora quando la vede piange una lacrima (perchè dentro Sora c'è Roxas) e chiede chi sia la ragazza ma Xion fugge. Sora allora la insegue attraverso la città ma a un certo punto vede Roxas e ha una conversazione con lui. Sora dice a Roxas che se lo vede allora devono essere in un sogno ma Roxas gli dice che non è così. Sora chiede a Roxas di dirgli qualcosa. Roxas gli dice che avrebbe dovuto essere felice di riunirsi a lui ma che Sora è l'unico che ce la può fare. Sora non capisce che cosa Roxas intende dire, allora Roxas dice a Sora che ci sono molti cuori collegati a Sora e che essendo lui una parte di Sora le sue sensazioni sono arrivate al cuore di Sora. Sora gli dice che Roxas è Roxas e che lui è Sora e che quindi loro due sono diversi. Sora gli dice che secondo lui non ci dovrebbe essere un altro Sora e che Roxas dovrebbe avere una sua esistenza. Roxas è sorpreso dall'osservazione di Sora e afferma che è il motivo per cui Sora è l'unico che ce la può fare. Allora Roxas divide tutti i suoi ricordi dolorosi con Sora e sparisce. Sora allora si ritrova con i vestiti che aveva nel regno dei sogni diventa più aggressivo nei confronti di Xemnas e delle altre incarnazioni del maestro Xehanort. Una voce dice a Sora di non inseguire i sogni o altrimenti lo faranno addormentare e lui non si sveglierà più. Sora quindi se ne và.


Più tardi torna al Mondo che non Esiste e Sora incontra Riku e Kairi che diventano Aqua e Terra e Sora a sua volta diventa Ventus. Poi Sora torna a essere se stesso e Aqua e Terra ridiventano Riku e Kairi. Sora prova a raggiungerli ma qualcosa lo rallenta e non ci riesce in quanto Riku e Kairi spariscono. Sora in seguito incontra Xemnas e Xigbar e ha una conversazione con loro. Sora afferma che i suoi amici sono il suo potere a allora compaiono delle illusioni di Riku, Kairi, Paperino, Pippo, Topolino, Roxas, Xion, Terra, Aqua e Ventus dietro di lui pronti per una battaglia. Xigbar rimane scioccato da ciò e chiede a Xemnas di occuparsi si Sora. Sora allora affronta e sconfigge Xemnas che fugge e si unisce alle altre sue controparti mentre Sora si ritrova con il cuore danneggiato. In quel momento appare il Giovane Xehanort e afferma che la X nei suoi vestiti era un segnalatore e che il suo cuore era danneggiato dalle tenebre e dice che Sora non si è mai protetto contro l'oscurità come invece ha fatto Riku. Quindi il Giovane Xehanort fa cadere Sora in un sonno profondo pianificando di usarlo come uno degli esseri dal cuore forte necessari al compimento del piano del Maestro Xehanort per creare una nuova Organizzazione XIII. Quindi il Giovane Xehanort prende Sora e lo porta al Castello che non esiste.
Poi Riku dopo aver sconfitto la Figura Oscura si ritrova nel Mondo che non Esiste del mondo reale, vedendo che aveva mentenuto i vestiti di prima capisce che Sora era ancora addormentato, tuttavia torna nel regno dei sogni.
In seguito Riku torna nel Mondo che non Esiste del mondo reale e vicino al Castello vede Miao Wow di Sora, cosi Pipistrory di Riku comunica con l'altro Spirit e insieme creano un ponte per permettere a Riku di entrare al castello.

Kingdom Hearts III

Il Mondo che non Esiste appare brevemente in un flashback di Sora quando si ricorda del suo incontro con Roxas nel reame dei sogni, ricordandosi dei suoi sentimenti.

Kingdom Hearts Melody of Memory

presto disponibile

Abitanti

Residenti temporanei

Heartless

Nessuno

Divorasogni

Galleria

Temi

Sacred_Moon_~_Kingdom_Hearts_HD_2.5_ReMIX_Remastered_OST

Sacred Moon ~ Kingdom Hearts HD 2.5 ReMIX Remastered OST

Deep_Drive_~_Kingdom_Hearts_HD_2.5_ReMIX_Remastered_OST

Deep Drive ~ Kingdom Hearts HD 2.5 ReMIX Remastered OST

Curiosità

  • Nella copertina di Kingdom Hearts, Sora, Paperino, Pippo, Riku e Kairi stanno in una città oscura sopra un grattacielo molto simile al grattecielo della memoria e si può anche vedere il Kingdom Hearts dei Cuori della Gente, ma è confermato che in quegli anni il mondo non era stato ancora ideato.
  • Nomura ha creato questo mondo ispirandosi a New York durante la Grande depressione, negli anni '30.
  • Il mondo è inaccessibile tramite Gummiship se non si è gia stato visitato una volta passando dal Mezzo e Mezzo.
  • Il Mondo che non esiste è l'opposto dei Confini del Mondo, il Mondo che non esiste sembra più moderno e industriale, mentre i Confini del Mondo sembra più naturalistico, che coincide con il fatto che i Nessuno si basano su intelligenza piuttosto che l'istinto mentre Heartless sono viceversa.
  • Non è noto se l'arena di battaglia del giovane Xehanort in Dream Drop Distance sia parte o no del Mondo che non Esiste, nonostante le somiglianze.
  • il Mondo che non Esiste è stato il primo nuovo mondo di Kingdom Hearts II a essere svelato.
  • In Kingdom Hearts II Final Mix+ si affronta in terza persona lo scontro con Roxas. nella versione internazionale, invece, il tutto è ridotto in un breve filmato.
  • In Kingdom Hearts 3D: Dream Drop Distance, dopo la vittoria di Sora su Xemnas è possibile vedere il nome della stanza dove si trova Riku. Questo nome è "La Sala del Risveglio".
  • Il Mondo che non Esiste, Castello Disney e Radiant Garden sono gli unici mondi che non hanno le rotte Gummiship in Kingdom Hearts II.

Note

  1. Kingdom Hearts II - Pietro lo dice a Malefica mentre sono nel Castello.
  2. Rapporto segreto del Direttore XIII nº 2 - Nomura nomina i mondi di mezzo apparsi fino a quel momento (eccetto i Confini del Mondo e la Città di Mezzo) e li ordina per vicinanza a Luce e Oscurità.
  3. 3,0 3,1 KH3D Ultimania |Scenario Mysteries - Nomura parla della "esistenza" del Mondo che non Esiste, e del perché i Divorasogni di Riku potevano apparirvi anche se lui era nella sua versione del mondo reale. Errore nelle note: Tag <ref> non valido; il nome ":0" è stato definito più volte con contenuti diversi
  4. Kingdom Hearts 3D: Dream Drop Distance - Sora viene dirottato nel Mondo che non Esiste, e dalle continue distorsioni e visioni che vede, capisce che non è uscito dal Reame dei Sogni. Tuttavia, Riku riesce ad arrivare nel Mondo che non Esiste reale, come dice lui stesso, dove soccorre Sora alla sala circolare. Ciò conferma che questo mondo possiede due versioni distinte, una nel Reame dei Sogni e una fuori.
  5. Kingdom Hearts 3D: Dream Drop Distance - nella sala circolare, Xigbar dice che "il loro tempo è scaduto", e il Maestro Xehanort dice una cosa simile quando tutti cominciano a svanire, per "tornare da dove sono venuti".
  6. Kingdom Hearts 3D: Dream Drop Distance - Riku pensa di essere rimasto uno Spirito nel mondo vero perché Sora è ancora immerso nel sonno. Grazie a ciò, riesce a evocare Pipistrory.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.